Escursione tra le malghe della Valle di Non

 

Malga di Revò in notturna

Escursione tra le malghe della valle di Non.

In questo breve articolo vi porterò a vedere tre malghe che meritano certamente della vostra attenzione.

Partendo da Cles piccolo paesino montano della valle di Non, teniamo la strada che ci condurrà verso la val d’Ultimo, ove prima del suo ingresso, troveremo una galleria e subito prima di essa e dopo, troveremo ampio spazio ove parcheggiare l’auto.

galleria val d’Ultimo

Raggiunto il parcheggio, possiamo cominciare il nostro cammino verso la prima nostra meta, la MALGA DI CLOZ (Cloz alm). Attraversando la strada seguiamo le indicazioni per malga di Cloz, prendiamo quindi la strada alla nostra sinistra che in lieve pendenza ci introduce in bellissimo ambiente boschivo.

Sin da subito in questo periodo invernale possiamo godere del bellissimo paesaggio, e del gruppo montuoso delle Maddalene. Ci troviamo circa a 1700 metri di altezza e la nostra escursione cambierà, lungo tutto il tragitto, di pochissimo la sua altitudine. L’aria fresca ci riempe i polmoni di naturale purezza, e continuiamo la nostra avventura con entusiasmo.

panoramica con all’orizzonte il parco Adamello Brenta

Dopo circa dieci minuti di cammino, ecco che difronte a noi, in tutta la sua bellezza si fa notare il Parco Adamello Brenta in tutto il suo splendore. Un bellissimo scorcio che all’alba si illumina di un rosso fuoco che difficilmente potremo scordare. Per tutta la nostra passeggiata, saremo accompagnati da una vegetazione rigogliosa, boschi e canti di uccelli saranno i nostri compagni di viaggio.

scorcio lungo la strada verso malga Cloz

Dopo circa quindici minuti di cammino a passo turistico ecco che si intravvede la bellissima malga di Cloz all’orizzonte.

visuale sulla malga di Cloz

La malga di Cloz è davvero una delle malghe che i turisti prediligono visitare, sia per la sua spettacolare posizione, incastonata tra il gruppo montuoso delle Maddalene, sia per la facilità con cui la si può raggiungere. In circa 20 minuti a piedi con passo turistico si può godere di un panorama molto bello sulla valle di Non e le montagne che la circondano.

vista della malga di Cloz

Come potete vedere dalle fotografie, non mancano gli scorci per divertirsi anche da un punto di vista fotografico. Dalla malga stessa si può vedere il paese di Proves, bellissimo paesino alpino, con una chiesa davvero spettacolare che alle prime luci del sole si illumina regalando qualche ottimo scatto.

visuale sul paese di Proves

Dopo questa breve passeggiata ci si può fermare alla malga di Cloz per apprezzare le specialità culinarie Trentine che il gestore Mirko Floretta propone. Noterete subito la simpatia e la grande professionalità che Mirko dispone verso i suoi clienti, e soprattutto noterete il clima familiare di una gestione che ha fatto della propria semplicità il punto di forza. Mirko Floretta propone nella sua malga le specialità tipiche trentine, quali tortei di patate, canederli, e molti altri piatti tipici. Personalmente ho mangiato più volte in malga e sono sempre rimasto molto soddisfatto.

io con l’amico Mirko Floretta

Siamo pronti, si ricomincia il cammino verso la nostra seconda meta, la malga di Revò.

Lungo il sentiero è facile vedere persone che praticano lo sci d’alpinismo, infatti proprio il Gruppo delle Maddalene, si presta molto bene per gli amanti di tale sport, oppure più semplicemente anche per chi non è molto pratico con gli sci d’alpinismo, può comunque cimentarsi sul tracciato che vi sto descrivendo in quanto non presenta pendenze considerevoli e quindi adatto a chi vuole, anche semplicemente, provare ad indossare un paio di sci e divertirsi senza rischi.

escursionisti con gli sci d’alpinismo lungo il sentiero che porta a malga Revò

Che spettacolo vedere le Maddalene innevate. In inverno è bellissimo camminare sulla neve, respirare aria pulita, incontrare altra gente che condivide l’amore per lo sport, il trekking, ed è bello poter scambiare le proprie esperienze e raccontare un pò le bellezze della natura che questi luoghi offrono.

Partiamo quindi in direzione della Malga di Revò e dopo pochissimo, circa 5 minuti di cammino, scorgiamo poco più lontano la malga.

 

Durante il cammino troveremo davvero un ambiente bellissimo, rigoglioso, con una vegetazione boschiva notevole ed immutata.

lungo il sentiero di malga Revò

Notiamo sin da subito, spostato leggermente più in alto della malga un bellissimo capitello, ove all’interno del recinto, per chi lo desidera può fermarsi per un momento di pace. V’è anche il libro firma, ed è bellissimo lasciare il ricordo del nostro passaggio, confermando così la nostra presenza sul territorio.

capitello di malga Revò

 

Ed eccoci, in circa 10 minuti di cammino dalla malga di Cloz,  arrivati alla malga di Revò. che spettacolo poterla vedere di notte. Con la luna piena il gruppo montuoso delle Maddalene si illumina di una luce meravigliosa, e aspettando i primi raggi di sole, godiamo di questo straordinario paesaggio alpino.

Malga di Revò in notturna

Sono rimasto a bocca aperta quando per la prima volta, ho deciso di avventurarmi tra le montagne di notte, per poi assaporare il gusto delle prime luci del giorno. Sono passati molti anni, ma nonostante abbia viste numerose volte paesaggi in notturna, e albe spettacolari, mi emoziona ancor oggi quando il ricordo di questi scatti mi racconta le esperienze vissute.

Ed ecco che la luce da il benvenuto ad un nuovo giorno …

La malga di Revò all’alba
Malga di Revò

 

Arrivati alla malga, ci aspetta per un buon caffè il gestore Bonmassar Adriano e famiglia. La simpatia, l’accoglienza, la dedizione al territorio, l’amore per la montagna, le specialità culinarie del Trentino, saranno aspetti che l’amico Adriano è ben lieto di raccontarvi. Grande appassionato di escursioni alpinistiche, vanta un bel curriculum in campo alpinistico, e sentirci raccontare le sue avventure, passioni montane, è un modo per ricordare che della natura facciamo parte anche noi, ma bisogna saperla ascoltare e coltivare, rispettare ed amare. Il sorriso alla famiglia Bonmassar non manca, ed è bello vedere come giovani coppie scelgano la vita di malga come filosofia di vita, se vi fermerete in malga Revò, chiedete ad Adriano di raccontarvi la sua storia e vedrete che il fascino della montagna che circonda la malga di Revò, attraverso le sue parole, acquisterà di magia anche ai vostri occhi.

l’amico Adriano ed io presso la malga di Revò

Dopo una bellissima chiacchierata, ed aver degustato un’ottima colazione, noto che il sole ha fatto breccia tra gli alberi, e quindi perchè non uscire per vedere il bellissimo panorama che offre la malga di Revò …

Vista sul Parco Adamello Brenta dalla malga di Revò

 

Vista sullo spettacolare abitato di Proves

Bene, è arrivata l’ora di reimettersi in cammino verso la nostra terza tappa, la malga Kessel.

 

Ci inoltriamo nel bosco, ed è bello apprezzare questo silenzio, fatto di musica della natura, il verso degli uccellini e degli ungulati ci accompagnano lungo il nostro viaggio.

lungo il sentiero che porta a Malga Kessel

Seguendo il sentiero ben battuto e segnalato, si intravvede spesso il Parco Adamello Brenta tra la fitta vegetazione.

vista sul Parco Adamello Brenta dal sentiero verso Malga Kessel

Ci vogliono circa 15 minuti di cammino a passo turistico e si comincia ad intravvedere la malga Kessel in tutto il suo splendore, ma prima non deve mancare l’annuncio del nostro arrivo, e quindi tutti a suonare i campanacci …

i campanacci di malga Kessel

 

Ed ecco incastonata nel gruppo montuoso delle Maddalene la malga Kessel, una tra le più belle malghe trentine.

visuale di malga Kessel
visuale di malga Kessel

 

Anche a malga Kessel si possono degustare ottimi piatti tipici, bere del buon vino, e rilassarsi abbracciati dal sole, e farci cullare dalle dolci sinfonie delle natura.

Siamo arrivati alla fine di questa, che a mio giudizio, è una delle più belle escursioni adatti a tutti in valle di Non. In poco meno di 1h 20 min a passo turistico, tenendo abbondante, abbiamo la fortuna senza troppa fatica di vedere queste tre malghe bellissime incastonate nella magia di un paesaggio alpino tra i più belli della valle di Non, ove il gruppo montuoso delle Maddalene ci avvolge in tutto il suo splendore.

Come sempre spero di aver fatto cosa gradita, nella speranza di aver dato un buono spunto per andare a visitare il territorio Trentino, ed in particolare in questo caso le tre malghe Cloz, Revò e Kessel.

Arrivederci e … buon cammino .

si ringrazia lo sponsor (Rock Experience)

 

 

 

Related Images

2 thoughts on “Escursione tra le malghe della Valle di Non

  1. Adriano Bonmassar

    Straordinario ,Stefano, grazie
    Cinzia e Adriano Bonmassar

    1. Grazie a voi, tra qualche giorno sarò li a degustare e fotografare i vostri piatti

Leave a Comment